Vetrya, Microsoft e Urbani Tartufi in prima linea: l’Ai Challange pronta al lancio per lo sviluppo di una soluzione predittiva per la smart agricolture

Ai Challange: Si chiama così la nuova sfida proposta da Vetrya (leader italiano nello sviluppo di servizi digital applicazioni e soluzioni broadband), Microsoft Italia  e Urbani Tartufi, idealizzata per migliorare il rendimento e la sostenibilità del settore agricolo.
Il progetto è aperto a tutti i professionisti di intelligenza artificiale ed è finalizzato alla realizzazione di un algoritmo predittivo che, sfruttando tecniche di machine learning, permetta di migliorare la qualità del raccolto ed incrementare la sostenibilità.
Le iscrizioni sono aperte fino al 28 novembre ed è possibile iscriversi al sito aichallenge.vetrya.com.
Al termine delle iscrizioni i candidati avranno 3 mesi di tempo per progettare un prototipo di algoritmo, offrendo così agli agricoltori nuove strategie produttive.

Vetrya, Microsoft ed Urbani Tartufi metteranno anche a disposizione di tutti i partecipanti degli strumenti che potranno essere liberamente utilizzati dagli iscritti, come ad esempio la possibilità di richiedere un tutor e di partecipare a degli incontri mensili di supporto.
Alla fine dei 3 mesi una giuria di esperti nominerà il vincitore a cui spetta un premio di 3000 euro e la possibilità di un accordo di collaborazione.
Luca Tomassini, CEO Vetrya Spa commenta così il progetto: “La sfida sull’intelligenza artificiale è senz’altro una delle più ambiziose della nostra epoca: con questa iniziativa Vetrya intende ribadire la propria intenzione di raccoglierla il più pienamente possibile, confermando la propria vocazione all’innovazione aperta.

Luca Tomassini sarà presente anche al Glocal Economic Forum ESG89: clicca per ulteriori informazioni

Per Microsoft Italia è Claudia Angelelli a dire la sua: “Siamo orgogliosi di supportare questo progetto d’innovazione per il settore agricolo. È ormai risaputo come i nuovi trend digitali come l’AI e il Cloud siano una leva di sviluppo per tutti i segmenti di mercato e per l’intero Paese. Puntando sull’innovazione è infatti possibile, non solo recuperare efficienza, ma anche mettere in moto un circolo virtuoso di crescita che coinvolge tutti i settori dell’economia, agricoltura inclusa.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com