L’Università a supporto dello sviluppo della PMI – Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018

Durante la tre giorni,  focus sulla formazione universitaria come catalizzatore  per la crescita dei territori e delle imprese

«L’Università a supporto dello sviluppo della piccola e media impresa»

 

Ad arricchire la rosa degli interventi di accademici che hanno partecipato al Glocal Economic Forum ESG89 dell’ 11-13 ottobre 2018 è il commento del Pro-Rettore dell’Università di Camerino, il Prof. Andrea Spaterna: «Il Glocal Economic Forum ha saputo efficacemente riaccendere un focus sui sistemi territoriali in generale e segnatamente sul ruolo dell’Università nel supportare lo sviluppo della micro-piccola-media impresa, colonna vertebrale dell’economia dei nostri territori umbro-marchigiani».

Come emerso nel convegno, durante i numerosi confronti tra esponenti delle università di Perugia, Ancona e Camerino, il territorio dove opera una qualsiasi impresa deve saper sfruttare la presenza di istituti di formazione che possano trasferire le adeguate conoscenze e competenze ai futuri imprenditori e manager aziendali.

Attraverso convenzioni, spin-off, progetti di ricerca e incontri diretti, le università e le piccole e medie imprese possono e devono contaminarsi. Come anche individuato dal Prof. Andrea Cardoni, ordinario di Economia Aziendale presso l’Università di Perugia, «quello che sembra mancare è un trasferimento tecnologico e manageriale tra formazione universitaria e piccole e medie imprese, fondamentale per permettere ai futuri manager e imprenditori di affinare competenze e conoscere i metodi e gli strumenti professionali».

Nel corso dell’incontro sul ruolo del management, Cardoni ha delineato i principali ostacoli che queste realtà imprenditoriali incontrano nella gestione manageriale: primo fra tutti, il contrasto fisiologico tra imprenditore e manager

«Il Glocal Economic Forum ESG89 Perugia 2018 – prosegue Cardoni – ha generato un confronto molto positivo, un ottimo format, di sostanza e con ospiti di livello. Trovo che le piccole e medie imprese abbiano bisogno di acquisire più coscienza e consapevolezza a riguardo. Nelle PMI sarebbe dunque necessario sviluppare una managerialità acquisita come competenza aggiuntiva dall’imprenditore. Bisogna agire al momento giusto, tenendo sempre conto della dimensione, del settore e del modello gestionale dell’azienda, trovando il giusto equilibrio tra i due ruoli».

Una sfida senz’altro difficile, quella che le imprese e le istituzioni universitarie di Umbria e Marche sono chiamate ad affrontare. Se però i risultati di queste collaborazioni attenderanno le aspettative, i sistemi territoriali potranno assistere ad una nuova crescita economica.

 

_________________________________________________________________________________________________

Programma 2019