L’Umbria, le Marche e l’Italia: punti di forza e di debolezza dei distretti

Glocal Economic Forum Perugia 2018

Dopo il forum inaugurale il Glocal Economic Forum ESG89 Perugia 2018 continua, nel pomeriggio dell’11 ottobre, con un incontro dedicato al tema “L’Umbria, le Marche e l’Italia: punti di forza e di debolezza dei distretti”

Trattando dell’importanza dei territori nello sviluppo economico, ESG89 Group non poteva rinunciare a dedicare un incontro anche all’Umbria, regione in cui si svolgerà il Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018 e lo fa con un forum dedicato ai territori umbri e marchigiani.

Si inizierà alle 15 dell’11 ottobre e verrà affrontata l’importanza della collaborazione tra le regioni anche – e soprattutto – per quanto concerne lo sviluppo economico; l’Umbria e le Marche da considerarsi non come entità a se stanti, bensì come parti di un insieme macroregionale che opera nell’ambito nazionale ed internazionale.

Il Centro Italia sta ripartendo più lentamente del previsto, quindi si deve necessariamente accelerare quel rinnovamento di visioni e strategie che portano al futuro affondando le radici nei territori.

L’Umbria verde, patria dei Santi e del buon vivere, ma anche ricchissima di eccellenze industriali, incontra le Marche: complementarietà di interessi, sia per chi opera in queste regioni, sia per chi vi si reca per turismo.

È necessario fare sistema in un’ottica che valorizzi il marketing regionale inserito in un contesto di collaborazione e non di concorrenza: evolve quindi la visione che si sposta verso un marketing territoriale che coinvolge più regioni con interessi e opportunità affini e complementari.

Ripartire dai distretti produttivi e metterli in sinergia, creare una rete virtuosa di cooperazione interregionale: nulla si crea dal niente, le innovazioni – per esempio tecnologiche – si innestano nel tessuto preesistente per far sbocciare nuovi metodi e nuovi prodotti.

Il saper fare dell’industria legato a quello dell’agricoltura, non in sua contrapposizione, può portare ad un’inversione del fenomeno di accentramento di questo capitalismo che ingloba ed esclude; per far ripartire le zone non metropolitane è però imprescindibile un adeguamento di infrastrutture, trasporti, comunicazioni e servizi.
Per questo motivo sarebbe auspicabile coinvolgere la società al fine di renderla partecipe delle decisioni che incidono sulla qualità della vita e sullo sviluppo economico dei territori.

Lo spontaneismo industriale va coordinato al fine di instaurare un’efficienza territoriale che possa governare i cambiamenti – come l’industria 4.0 – e non esserne vittima.
L’innovazione tecnologica è un’occasione non solo per rinnovare l’impresa, ma anche per ridefinire le competenze con la formazione costante, incrementare la produttività e quindi aumentare l’occupazione.

Da questo si vede la differenza di una politica economica per i territori rispetto ad una sui territori.

L’Umbria dei territori, le Marche, l’Italia; il forum ospiterà anche esempi virtuosi di altre aree d’Italia che negli ultimi anni hanno saputo creare quel percorso virtuoso di sviluppo con particolare riferimento alla catena del valore legata al ‘territorio’.

Per maggiori informazioni sul Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018 è possibile contattare la segreteria organizzativa e seguire l’hashtag #GlocalForum2018 sui social media.

 

Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018

11 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Inaugurale: La Società, l’Economia, il Valore dei Territori

11 ottobre, ore 14.30 – 18.00

Forum Economia: L’Umbria, le Marche e l’Italia: punti di forza e di debolezza dei distretti

12 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Approfondimento: Annuario Economico (a cura di ESG89 Group) – il ruolo strategico del management per la crescita

12 ottobre, ore 14.30 – 18.00

Forum Economia: Umbria e Marche, opportunità per lo sviluppo del territorio – idee ed esperienze a confronto

13 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Turismo, Arte e Cultura: il territorio come vero brand – infrastrutture e strategie di marketing

 

 

 

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com