Leolandia sbarca in Umbria!

E’ appena stato ufficializzato il progetto da 36 milioni per il parco di Narni: è quanto annunciato da Invitalia e siglato da Mise e Regione Umbria; quest’ultima, in particolare, ha stanziato 343 mila euro!

Ogni borgo ha spazi in cui le grandi società possono investire, scopri quali nel BLUE GREEN REGION RESHORING INITIATIVE ESG89

Il progetto prevede oltre 24 attrazione per bambini dai 6 mesi ai 10 anni di età ed avrà una superficie di 65mila metri quadrati nella località San Liberato. Oltre al parco a tema, verrà istituito anche un hotel in grado di ospitare 80 posti letto, per un totale di oltre 29 mila all’anno.

“E’ un rilancio importante per il turismo dell’ umbra e un rilancio di uno dei nostri borghi più belli e forse non abbastanza conosciuti, Narni. Il progetto crea nuovi posti di lavoro proprio in quest’area di crisi che ha sconvolto l’economia umbra e aumenta il livello qualitativo e quantitativo del turismo nella regione” commenta Domenico Arcuri, AM di Invitalia.

Vuoi conoscere i dati di bilancio di Invitalia?

Il progetto è stato proposto dalla società Leolandia Umbria srl (clicca qui per vedere i soci di Leolandia Umbria srl) e Leolandia holding spa.

Giuseppe Ira, presidente di Leolandia Umbria srl si dichiara contento del progetto e che questo sia stato accettato positivamente da parte di tutte le istituzioni.

Francesco De Rebotti, sindaco di Narni è entusiasta di Leolandia: “Un sentito grazie agli imprenditori, che con la loro testardaggine hanno raggiunto l’approvazione del progetto. E’ un grande rilancio per il nostro territorio, dove per ora è il comparto della manifattura ad avere ruolo fondamentale e, in generale, per tutta l’Umbria.

Tutto il reparto politico, dal M5S al Fd’I si dichiarano allineati e soddisfatti per il risultato raggiunto “Accogliamo il progetto con entusiasmo ed orgoglio!”

Il parco prevede un’occupazione di oltre 250 dipendenti e verrà suddiviso in 5 aree dedicate a temi molto sentiti nel territorio Umbro, adatti a tutti i bambini, dai più’ grandi ai più’ piccoli e, perché no, alle famiglie!

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com