Le vendite 2019 del gruppo BASF in Italia si attestano a quota 1,769 miliardi di euro

(Lorenzo Bottinelli, Amministratore Delegato e Vice Presidente di BASF Italia)

Il mercato italiano si conferma solido, nonostante la performance 2019 faccia registrare un -5,3% sul valore delle vendite rispetto al 2018 principalmente legato a: calo dei prezzi delle materie prime, conflitti commerciali fra Stati Uniti e Cina e crisi del settore automotive. Performance brillante per il segmento Agricultural Solutions (+12,9%) che raccoglie i primi risultati derivanti dall’acquisizione a livello globale del business sementi avvenuta nel 2018, con l’ingresso nel Gruppo di Nunhems Italia.

Risultati positivi anche per il segmento Surface Technologies (+3,5%), nonostante il calo della domanda da parte del settore automotive.

Lorenzo Bottinelli, Amministratore Delegato e Vice Presidente di BASF Italia, ha commentato “​Il 2019 è stato un anno impegnativo, con forti perturbazioni a livello globale che hanno impattato sulle nostre performance di vendita. L’Italia ha comunque dimostrato di reggere bene, grazie anche alle caratteristiche del nostro tessuto imprenditoriale fatto di piccole e medie imprese che rappresentano una risorsa chiave per il Made in Italy.

Proprio a loro noi offriamo un’ampia gamma di prodotti essenziali in settori strategici: dal biomedicale al personal care, dal design alle costruzioni, senza dimenticare l’agricoltura e il farmaceutico. I nostri risultati 2019 – prosegue Bottinelli – sono in linea con le aspettative e rispecchiano un contesto di mercato critico che stimavamo già prima dell’emergere della problematica Coronavirus.

Ora, con la diffusione di una pandemia i cui effetti restano tutti ancora da ponderare, il quadro economico globale appare radicalmente mutato e lo sviluppo del business difficile da prevedere”.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com