‘La pandemia si supererà solo con la cooperazione e con la volontà di ricercare soluzioni che generino opportunità di rilancio condivise e trasversali’ Casali (Eli) punta fortemente sul valore del ‘territorio’

Editoria, scuola, formazione e stampa: questi gli ambiti di attività del Gruppo amministrato da Michele Casali che ingloba diverse realtà: Eli, La Spiga, Plan, Campus l’Infinito. A Loreto il quartier generale.

Di territorio, di come fare squadra e produrre concrete sinergie e di resilienza: su questi temi abbiamo voluto ‘conversare’ con CUOREECONOMICO’ proprio con Casali. Il momento risulta particolarmente complesso; il Covid-19 ha praticamente rallentato la maggior parte delle attività economiche nelle Marche e in Italia. Ora si deve ripartire, probabilmente con paradigmi diversi e più legati a formule ‘digitali’ che però non facciano dimenticare i valori e le tradizioni legati al territorio.

Casali, il Covid19 ha colpito duramente l’economia dei nostri territori. Come sta andando dal suo punto di vista? Quali le previsioni per il secondo semestre 2020 per il Gruppo e il comparto in generale?

‘Sicuramente abbiamo visto ancora solo la punta dell’iceberg della crisi, credo e temo che dopo l’estate soltanto si avrà la reale dimensione dell’impatto sull’economia dei territori perché, soprattutto nel caso della nostra regione, potremo verificare come il comparto turistico avrà superato questa stagione. In merito al nostro gruppo industriale vediamo delle situazioni differenti, nell’ambito comunque di una generale situazione critica; se infatti il gruppo editoriale lavorando su prodotti scolastici vede una riduzione di fatturato relativa al ridotto potere di acquisto delle famiglie e ai tre mesi di lockdown, altri comparti come quello della stampa, lavorando a loro volta per aziende di settori diversi, risentono indirettamente della crisi più generale; infine la nostra scuola di italiano per stranieri, ospitando studenti da tutto il mondo, ha visto la sua attività bloccarsi del tutto e ha ancora molta incertezza sui tempi della ripartenza. Il secondo semestre lo vedo comunque in ripresa, seppur con molte incognite che rendono ogni tipo di previsione azzardata’.

‘Recanati produce’, ci sembra una bella iniziativa sul territorio: quali le finalità e se buone potrebbero essere emulate in altri luoghi d’Italia per fare rete…

‘Fare rete tra aziende non è semplice e scontato, perché spesso se si opera nello stesso comparto ci si vede esclusivamente come concorrenti, se si opera in settori diversi non si intuiscono le possibilità di collaborazioni comuni perché troppo ancorati al “prodotto” offerto; fare rete tra pubblico e privato è ancora più complesso, spesso per visioni e priorità diverse. Questo tavolo ha la finalità di superare questi distinguo ed individuare delle priorità comuni che superino i limiti del particolarismo e individuino delle linee guida condivise in grado di generare dei vantaggi per il territorio in modo trasversale; la crisi come la pandemia si potrà superare solo con la cooperazione e con la volontà di ricercare soluzioni che generino opportunità di rilancio condivise e trasversali’.

Ora sarà necessario sostenere la domanda: le misure che il Governo ha sin qua preso stanno andando verso questa direzione o si può fare di più e meglio?

‘Non ho competenze per esprimere un parere sulla gestione dell’emergenza sanitaria, ma se mi limito a vedere cosa succede in altri paesi posso dire che nel complesso si sia operato in modo adeguato, anche se la differenza l’ha fatta e continuerà a farla il buon senso e la disciplina dei singoli. Dal punto di vista economico mi auguro che le soluzioni proposte siano operative in tempi rapidi, il quando, molto spesso, è più determinante del quanto per rilanciare’.

 

 

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com

Per Info, Contatti e Collaborazioni, scrivere a: risorse@esg89.com
OPPURE https://www.esg89.it/it/opportunities.php