Italia: vertiginoso calo demografico

Gli italiani ammontano a 55 milioni secondo le ultime stime dell’Istat, minimo storico dopo l’unità d’Italia

Dal 2015 la popolazione residente è in forte diminuzione; il calo demografico è tuttavia rallentato dall’incremento dei cittadini stranieri. E’ la prima volta da oltre 90 anni in cui si assiste ad un calo demografico così importante; rispetto al 2014 la perdita di italiani è pari ad una  grandezza come tutta la città di Palermo(-677 mila).
Da questo dato teniamo conto che i cittadini stranieri che hanno ottenuto la cittadinanza italiana sono stati 638 mila; senza di loro avremmo avuto un calo ancora più consistente (più di 1 milione).
Al 31 dicembre 2018 abbiamo registrati 5.255 mila cittadini stranieri; sempre secondo gli ultimi dati il numero di cittadini stranieri che lasciano il nostro paese è in lieve diminuzione (-0,8%) mentre aumenta di molto l’emigrazione degli italiani all’estero (+1,9%).
Oltre all’emigrazione, la diminuzione delle nascite è uno dei motivi principali del calo; nel 2017 sono stati registrate 439.747 nascite, il minimo storico dall’unità d’italia!
Stando a questi dati, al 1 gennaio 2019 i residenti in Italia sono 60.359.546 persone, di cui l’ 8,7% sono straniere.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com