ESG89 Tour #Protagonisti: contemporaneità e design, nuovi linguaggi per l’Umbria del futuro

ESG89 Group —> home.esg89group.it

Una tappa dedicata al tema della contemporaneità, quella del tour #protagonisti di ESG89 tenutasi il 18 maggio 2017, in una cornice quanto mai congeniale ad esprimere questo valore: i nuovi spazi della CIAM Spa.

A fare gli onori di casa a fianco di Giovanni Giorgetti, Ceo di ESG89, Federico Malizia oggi alla guida della Ciam Spa. Malizia ha da subito dichiarato che la contemporaneità è un tema molto sentito in casa Ciam presente nel DNA aziendale. Il percorso dell’impresa prende avvio intorno al 2008 nella vecchia sede di Ospedalicchio, già da li si guarda ad una meta più lontana e in pochi anni si compie la scelta di passare da una realtà di 7/8 mila mq ad una di oltre 23 mq.

Accanto a questo desiderio di ampliamento anche la certezza nitida – afferma Malizia che occorre puntare sulla qualità. E quindi in tempi in cui i margini di redditività si contraevano e i tempi di pagamento si allungavano abbiamo scelto di dare valore al prodotto. Una scelta audace che ci ha condotti nel 2012 a segnare un aumento su listino del 15%. Nonostante le difficoltà iniziali questa volontà ci ha permesso di perseguire la filosofia di valore e riconoscimento della qualità che volevamo dare al nostro prodotto, lavorando in termini di personalizzazione, esclusività ed altissima tecnologia”.  Sulla scia di questa visione lungimirante e coraggiosa si è innesta anche la riflessione di Fabio Bernini, della BeFood. “L’azienda contemporanea– ha affermato Bernini- è quella che si pone come modello esemplare di vendita coniugando alla cura del dettaglio e alla ricerca della bellezza, l’investimento nella formazione e nelle persone”.

A raccontare il nesso tra contemporaneità e ricerca del bello è anche Fabrizio Milesi, designer che collabora con Ciam alla realizzazione di prodotti e autore dei nuovi spazi dell’azienda: la zona lounge e il museo aziendale. Il design inteso come nodo di congiunzione tra contemporaneità ed estetica è al centro dell’intervento di Milesi che ha raccontato il suo lavoro in Ciam come frutto di un percorso mirato a realizzare prodotti tecnologici ad alta specificità, facendo confluire nella realizzazione di tali prodotti i materiali dell’architettura e gli automatismi della modernità. “Contemporaneità  dichiara Milesi significa appropriarsi di un linguaggio, come quello del design e della progettazione, che codifichi contenuti leggibili e riconoscibili dal mondo intero e soprattutto da quei mercati che hanno una cultura del progetto più evoluta”.

Una lettura che trova riscontro, come sottolineato da Fotinì Giustozzi della Autocentri Giustozzi Srl, anche nel mondo dell’auto, dove il prodotto vince in virtù del linguaggio che esprime. E su questo tema del rapporto auto e contemporaneità si esprime anche Daniele Verrocchio della Art Spa che afferma “Lavorare con una visione contemporanea è per noi questo: unire alla ricerca il valore aggiunto della bellezza che offriamo ai nostri clienti e dipendenti mediante una location d’eccezione come Villa Pischiello, dove ha sede la nostra azienda. E soprattutto essere contemporanei coincide con la capacità di investire sull’innovazione in misura continuativa, quello che stiamo cercando di fare da tempo, destinando a questo settore un vero e proprio team a latere”.

Un quadro stimolante, di un’Umbria vincente e competitiva che sa guardare oltre il proprio perimetro fisico e mentale per intercettare con successo la contemporaneità è quanto affiora da questa tappa del tour #protagonisti di ESG89 che ancora una volta, come ha dichiarato Giorgetti: “si rivela un’occasione molto partecipata di confronto e dialogo tra imprenditori ed esperienze, con l’intento di ampliare l’orizzonte delle conoscenze comuni e imprimere forza all’azione di tutti noi”.

ESG89 Group —> home.esg89group.it

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com