Gestire la diversità come nuova normalità

Alessio Miliani

Alessio Miliani – General Manager Fertitecnica Colfiorito

Nel 2030 sei generazioni conviveranno: Generazione Silente, Baby Boomers, GenX, Millennials (GenY), GenZ e Alfa Generation, e si troveranno di fatto a condividere prodotti e servizi.

Il must sarà quindi “gestire la diversità come nuova normalità”  fermo restando il focus, ovvero il “cliente”.

Il quadro congiunturale italiano attuale è gradatamente migliorato con il motore della crescita ancora legato alle esportazioni.

Seppur a ritmi moderati anche la ripresa dei consumi si sta protraendo (con una piccola frenata a febbraio) con la fiducia delle famiglie che ha evidenziato, da inizio anno, un relativo ottimismo.

Passando ai prodotti, il bilancio è tendenzialmente positivo e con una domanda che è sempre più “meteopatica” (influenzata cioè dalle frequenti anomalie climatiche) ma con un aumento del valore del basket di spesa (trading-up). Si conferma sempre più l’orientamento della spesa dei consumatori italiani verso il Pet&Food che rappresentano il 68% della spesa media con un incremento del 2,3% vs il 2016.

Nel menu abituale degli italiani sono sempre più presenti nuove tipologie di prodotto, soprattutto legate a ingredienti “salutistici” con lo sviluppo del premium e bio. I palati dei nostri consumatori stanno cambiando poiché stanno diventando sempre più informati e sofisticati: l’85% degli italiani definisce come molto importante il fatto che i prodotti alimentari che acquistano riflettano le proprie convinzioni etiche, sociali ed ambientali. Esiste inoltre una tendenza, sempre più importante, a contenere gli sprechi; solo il 7% dei consumatori italiani non ricicla il cibo avanzato.

La reputazione di un’azienda, cioè il valore dei suoi beni “intangibili”, sta superando quello dei suoi beni tangibili nella testa del consumatore.

Vincere nel futuro nel food richiederà quindi un modello di slow-fast cioè prodotti che combinano i valori e gli ideali di “slow food” con esigenze “veloci”, che hanno il sapore della tradizione, pur essendo facili e veloci da preparare; gustosi, ma con notevoli caratteristiche nutrizionali; di alta qualità, ma anche convenienti ed equi, sempre con un tocco speciale e distintivo, collegato a valori che ispirano fiducia.

Le Aziende dovranno quindi vivere, lavorare e respirare innovazione mettendo al centro delle strategie il cliente/consumatore, essere cioè la mucca viola in una mandria di mucche marroni, con la sfida di farli innamorare e non deluderli mai.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com