Disoccupazione in Umbria e nelle Marche nel secondo trimestre 2018

Dalle analisi dei dati Istat, le due regioni hanno registrato un calo dei disoccupati

Riscontri positivi se confrontati con la media nazionale. attestata al 10,7%

 

La situazione del mondo del lavoro è stimata come in lenta ripresa per le regioni di Umbria e Marche. Nel secondo trimestre del 2018, l’Umbria stima un calo dei disoccupati del 14,9% con 6000 unità in meno rispetto allo stesso periodo del 2017.

Per lo stesso dato di tempo nelle Marche la disoccupazione è stimata al -7,7%: secondo il Presidente della Regione, Luca Ceriscioli, si tratta di un «risultato eccezionale e soprattutto un segno tangibile di ripresa per quanto riguarda il sistema produttivo ed il lavoro nelle Marche».

«I dati stimati sono sempre da prendere con le molle, sia quando sono positivi sia quando risultano negativi», ha dichiarato il Presidente con delega al lavoro Fabio Paparelli. Fanno comunque ben sperare quelli sull’occupazione in Umbria, che registra 63,5 punti al secondo trimestre 2018, un valore superiore al dato medio nazionale (59,1%).