Bartoloni (Sitem): crisi Covid-19 profonda e aziende italiane penalizzate dai mancati sussidi statali

(Giovanni Bartoloni, Ad della Sitem Spa)

Per reggere la competizione a livello globale bisogna essere in grado di servire ogni segmento della filiera e fare economia di scala’ era la dichiarazione a La Repubblica di Giovanni Bartoloni, Ad della Sitem Spa di Trevi, al momento dell’acquisizione nel febbraio 2017 della svizzera Stanzwerk.

Sitem Spa, sede di Trevi (PG)

Sitem Spa è la rappresentazione tipica della ‘multinazionale familiare’. Fondata nel 1974 è una delle più importanti realtà industriali a livello europeo nella produzione di lamierini magnetici tranciati e di componenti pressofusi utilizzati in tutti i motori elettrici. Il suo ‘timoniere’ è consapevole che il Covid-19 porterà nel 2020 una sensibile contrazione del fatturato, ma al contempo, conoscendo la sua tenacia e il suo temperamento, siamo fiduciosi sul fatto che il gruppo si stia già preparando per tornare o superare i livelli pre-Covid19.

Bartoloni, che scenari nazionali e internazionali si immagina fra qualche mese?

Lo scenario nazionale ed internazionale che ci immaginiamo tra qualche mese è abbastanza drammatico, ossia: la situazione economica italiana ed europea sarà simile a quella dei primi 4 mesi del 2020; mentre, nel secondo semestre, si spera in una ripresa, seppur lenta, del processo economico’.

Giovanni Bartoloni, AD della Sitem Spa, al momento dell’acquisizione nel febbraio 2017 dell’azienda svizzera Stanzwerk.

Le banche, a suo giudizio, stanno facendo il possibile per aiutare la filiera delle Pmi?

‘No, il sistema bancario non sta supportando sufficientemente le piccole medie aziende. A mio parere occorrono interventi a fondo perduto, ma chiaramente questo dipende dallo Stato’.

Previsioni sull’andamento della Sitem Spa nel prossimo biennio 2020-2021?

Per il 2020 prevediamo una diminuzione del fatturato di Sitem Group pari al 15%; mentre nel 2021 si spera di poter confermare i risultati del 2019’.

Marco Bartoloni, Sales manager Sitem Spa e Francesca Bartoloni, Controller Sitem Spa

Le misure che il Governo sta predisponendo in queste settimane saranno sufficienti per affrontare questa crisi?

Il problema più grave è l’economia italiana e il suo Governo, che non ha le capacità di supportare le PMI, come ad esempio sta accadendo in Germania, dove la Merkel ha stanziato subito 1.000 miliardi di euro per finanziare il sistema economico mentre l’Italia ha soltanto annunciato e, da ieri sera approvato, un intervento pari a 55 miliardi euro. Quindi, possiamo dire che l’Italia è finita. Si salvi chi può…”.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com