Banca Macerata: crescita costante di volumi e utili

“E’ stato un anno difficile, ma lo abbiamo superato con slancio” commenta così Ferdinando Cavallini, presidente Banca Macerata il bilancio appena approvato.
Il bilancio 2018 appena depositato evidenzia infatti un forte incremento dell’utile da cui ne son derivati nuovi posti di lavoro per il 17,8%, apertura di punti consulenza, all’aumento del 4,7% della raccolta complessiva da clientela, riduzione del 13% dell’incidenza dei costi operativi sul margine di intermediazione e, punto da non tralasciare, un dividendo agli azionisti.

Tutti questi numeri hanno permesso di attestare l’utile a 2,3 milioni di Euro, in aumento del 40% rispetto al 2017. Grande merito per questo risultato è dovuto anche dall’aumento del 17,2% del margine di interesse e del 19,6% delle commissioni nette.
Sempre Ferdinando Cavallini commenta questi dati – Molto importante è stato anche il dato del Roe (corretta remunerazione del capitale bancario) che si è attestato al 6,7% e che ci ha permesso di distribuire un dividendo dell’ 1,30% del valore nominale delle azioni agli azionisti, e questa è la percentuale più elevata mai divisa”.

Il 2018 ha visto anche molti cambiamenti all’interno della Banca Macerata, che hanno indubbiamente portato a questi dati. Afferma infatti Rodolfo Zucchini, direttore generale Banca Macerata “E’ stato un anno importante con il cambio della denominazione in Banca Macerata spa, il cambio di tutti i vertici aziendali e con il rinnovo delle cariche sociali”.
E gli obiettivi futuri? Il Presidente Cavallini conclude così il suo intervento: “Una banca territoriale  come la nostra deve dare in primis un valore aggiunto per gli azionisti, essere vicina al territorio e favorire l’occupazione giovanile, e stiamo lavorando proprio per questo. Inoltre, sono già in corso i lavori per la nuova sede amministrativa e dirigenziale e che sarà di circa 2000 metri quadrati.

Vorrei inoltre sottolineare che operazioni come quelle di Serrapetrona e Fiuminata potranno avere un seguito nel caso in cui ci fossero popolazioni abbandonate da servizi bancari come accaduto in quelle due circostanze.”

(Fonte: IoConosco.it, IoValuto.it)

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com