Welfare e benessere aziendale per una visione d’impresa virtuosa e competitiva

ESG89 Group —> home.esg89group.it

Il welfare aziendale è uno dei derivati di una più profonda interpretazione del benessere, che ha trovato un importante spazio di discussione all’interno dell’ultima tappa del tour #protagonisti di ESG89 Group, Benessere: Futuri Orizzonti Economici tenutasi ad Aprile al Park Hotel Ai Cappuccini di Gubbio.

Muovendo dal preoccupante dato di “migrazione delle intelligenze” che vede un flusso di giovani e talenti abbandonare la nostra regione in cerca di lavoro altrove Giovanni Giorgetti, Ceo di ESG89 Group ha invitato i numerosi imprenditori, presenti in sala, ad esprimersi su quale benessere le imprese debbano garantire per ripristinare l’attrattività del territorio.

Giovanni Ciuchi CFO dell’azienda Befood ha parlato di una sua visione del benessere aziendale imperniata sulla valorizzazione di 4 item: persone, passione, tecnologia e natura.

Luciano Bacoccoli, Direttore Regionale di Unicredit Spa ha tenuto a sottolineare come il “benessere non vada semplicemente inteso come attività, ma piuttosto come paradigma di servizi e facilitazioni come: asilo aziendale, sistema di premiazioni idoneo, la possibilità di calendarizzare delle vacanze, che aiutano ad innalzare la qualità di vita del dipendente.”

Sulla stessa onda si colloca anche il pensiero di Ilaria Caporali, AD Liomatic Spa che sostiene: “il benessere coincide con l’ascolto, non è sempre possibile per un imprenditore ascoltare i propri dipendenti quando come per Liomatic il numero dei collaboratori supera le 500 unità, ma è importante dotarsi di un’organizzazione che permetta ai gestori delle filiali di sviluppare competenze trasversali in termini di managerialità team building, leadership, ect.. La nostra – ha concluso Ilaria – è un’azienda di servizio quindi il benessere è un aspetto vitale, per garantirlo lavoriamo erogando corsi di formazione, inserendo manager e figure che sappiano trasmettere a tutto il gruppo una visione imprenditoriale chiara e coesa”

Pur facendo riferimento ad una realtà molto diversa anche Maurizio Corvina di Serin Informatica ritiene fondamentale per il benessere dell’impresa la costruzione di un clima di lavoro unito e anche familiare, di fiducia e rispetto reciproco, che preveda momenti di raccolta fra collaboratori e la costruzione di iniziative condivise.

La gratificazione del collaboratore come architrave per il benessere dell’impresa è quanto affiora anche dall’intervento di Mauro Cassini, Patron di Umbra Control che afferma : “La soddisfazione del dipendente nel poter svolgere il suo lavoro con serenità, con certezza del futuro, senza la paura di non poter arrivare a soddisfare le esigenze della famiglia, senza vivere il fine mese come un incubo, è senza dubbio una significativa fonte di benessere. Nella nostra azienda abbiamo sempre cercato di mettere il dipendente a suo agio, creando un ambiente molto famigliare, assegnandogli il ruolo più confacente a lui. Organizziamo spesso momenti di convivialità sia all’interno che all’esterno della azienda coinvolgendo anche le famiglie dei nostri collaboratori. Anche sotto l’aspetto economico, da sempre e per quello che c’è possibile, ad ogni dipendente vengono riconosciuti compensi extra contratto, finalizzati a gratificarne e riconoscerne l’impegno.”

 Il benessere è quindi un dato a cui l’impresa deve prestare attenzione, prendendo consapevolezza della proporzionalità diretta che sussiste tra gratificazione e ascolto dei collaboratori e benessere complessivo dell’impresa.

ESG89 Group —> home.esg89group.it

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com