Turismo: costituito a Shangai il board di EAGLE

EAGLE nasce con obiettivo di rappresentare per IEG un hub per i mercati dell’Estremo Oriente nei settori del wellness, green technology, ospitalità e turismo, filiera quest’ultima che IEG presidia con TTG Travel Experience (Fiera di Rimini, 12-14 ottobre 2018), Salone leader in Italia per il business turistico e fra i primissimi in Europa.

Allo stesso modo EAGLE rappresenta per VNU Exhibitions Asia, Società della Fiera di Utrecht, l’ulteriore opportunità per consolidare la rete di relazioni commerciali con le imprese protagoniste del suo business in Estremo Oriente.

Due gli appuntamenti EAGLE già fissati in calendario.

Dal 24 al 27 maggio 2018 il 15° Shanghai World Travel Fair (SWTF), al quale sono attesi oltre 500 espositori internazionali e 13 mila fra buyer e visitatori provenienti in prevalenza dalla Cina orientale. SWFT è un evento B2B e B2C, con un focus sulla crescente domanda di turismo outbound espressa dalla Cina.

Dal 5 al 7 settembre 2018 toccherà a Travel Trade Market (TTM), in programma a Chengdu, Sichuan: un evento B2B dedicato al turismo cinese inbound e outbound con buyer provenienti da tutto il mondo. TTM offre agli espositori internazionali incontri con buyer altamente qualificati del settore turistico delle città di seconda e terza fascia, ubicate nelle regioni centrali e occidentali della Cina.

Va evidenziato che EAGLE arriva alla sua piena fase operativa dopo avere sondato l’interesse del mercato nel corso del Chengdu Travel Trade Market Business Forum 2017, anteprima di TTM con 1.000 business meeting e l’intervento di 60 buyer internazionali da oltre 17 Paesi, oltre ad aziende del comparto turistico. Ed è di pochi giorni fa l’accordo fra EAGLE ed ETOA – European Tourism Association, la principale associazione di categoria che riunisce i tour operator e i fornitori del settore turistico, per esplorare e cogliere maggiori opportunità commerciali nel mercato turistico cinese.

Turismo: il boom cinese.

L’Organizzazione Mondiale del Turismo misura una crescita del numero di turisti cinesi che si recano all’estero: 135 milioni nel 2016 (+6%). CNTA (China National Tourism Administration) ha stimato per il 2017 un’ulteriore crescita del 4%. La spesa per le destinazioni turistiche internazionali dei cittadini cinesi supera nel 2016 i 261 miliardi di dollari (+12% sul 2015).  Per ciò che concerne l’Italia, nel 2016 i pernottamenti dei cinesi hanno raggiunto la quota record di 5,8 milioni, con un incremento di 400.000 pernottamenti rispetto al 2015.
I dati COTRI – China Outbound Tourism Research Institute riportano che nei primi 6 mesi del 2017 è stato registrato un +14 % di richieste visti, con un +22 % dei viaggi individuali e +10 % dei viaggi di gruppo.

Consulta i dati economici del settore turistico e turistico alberghiero su ioConosco.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com