Mionetto annuncia l’acquisizione della societa’ agricola Tenuta Montereale

mionetto

La storica cantina di Valdobbiadene si assicura 90 ettari di terreni vitati nell’alta pianura friulana

Mionetto S.p.A. annuncia l’acquisizione, tramite la sua controllata Mionetto Vineyards srl, della Tenuta Montereale, azienda vinicola di 90 ettari complessivi sita a Montereale Valcellina, in provincia di Pordenone, con 80 ettari di terreni dedicati alla coltivazione di diverse tipologie di vitigni con predominanza Glera atta a Prosecco Doc.

Mionetto, storica cantina di Valdobbiadene nata nel 1887 e tra le più importanti realtà vinicole italiane nel panorama internazionale, per la categoria Prosecco, si espande con l’obiettivo di rafforzare ancor di più una leadership già consolidata.

 “La continua crescita delle vendite del Prosecco fa si che la necessità di approcciare terreni vitati sia un tema fondamentale per una cantina come la nostra”. –  dichiara Alessio Del Savio, Consigliere Delegato, Direttore Tecnico ed Enologo) di Mionetto S.p.A.“L’acquisizione della Società Agricola Tenuta Montereale ha un duplice obiettivo: da un lato favorire l’approvvigionamento del Prosecco, dall’altro lavorare sul miglioramento della qualità che, da sempre, Mionetto ricerca in ogni fase del processo produttivo, a partire dalla selezione dei vini, e che è alla base del nostro successo nel mercato”.

L’operazione appena conclusa da Mionetto è, inoltre, un ulteriore tassello di crescita per l’azienda: l’orgoglioso legame con il territorio ne fa una risorsa preziosa per la qualità dell’export made in Italy.

La Tenuta Montereale si trova nell’alta pianura friulana, a ridosso dell’arco prealpino, in una ampia zona denominata Grave del Friuli. La Tenuta è composta da 80 ettari di vigneti dalle caratteristiche uniche: “per temperatura e mix di irrigazione naturale e artificiale saremo in grado di dar vita ad un prodotto di altissima qualità”. continua Del Savio“È una Tenuta perfettamente strutturata vista la presenza di una cantina nel cuore di un terreno molto ampio”.

Intanto c’è il Vinitaly: l’occasione per presentare i risultati del 2017. Un anno molto positivo per Mionetto S.p.A. che ha registrato un fatturato pari a 78,47 milioni di euro, in aumento del 8,65% rispetto all’anno precedente e con 24,2 milioni di bottiglie vendute al mondo. Oggi Mionetto è il bestseller del Prosecco a volume nel mondo: in Italia è leading brand nel canale Ho.Re.Ca mentre in GDO è leader sia nel segmento premium della categoria prosecco spumante sia a scaffale nel segmento prosecco spumante biologico.

All’estero Mionetto è in continua espansione, grazie anche all’internazionalità e alla forza commerciale e distributiva del Gruppo: i mercati di riferimento sono USA, UK e Germania in primis, che insieme all’Italia costituiscono l’80% del mercato totale del Prosecco, senza dimenticare altri storici mercati europei quali Svizzera, Austria e gli emerging markets del Nord Europa, Canada e i Paesi orientali. Con questi numeri Mionetto conferma il proprio ruolo di driver di riferimento dell’intera categoria Prosecco, trainandone i consumi a livello internazionale e diventando ambasciatore dello straordinario valore di un territorio raccontato a tutto il mondo.

Mionetto S.p.A.

Mionetto nasce nel 1887 dall’amore e dalla passione per la terra e per il lavoro in cantina del mastro vinificatore Francesco Mionetto, capostipite della famiglia. Immersa nelle colline di Valdobbiadene, culla del Prosecco, Mionetto ha saputo in 131 anni di storia farsi interprete del territorio d’origine e divenire una delle aziende produttrici di vini e Prosecco più rappresentative nel panorama internazionale.

Dai primi anni della sua fondazione, la Cantina si è caratterizzata sia per l’impronta moderna e innovativa, sia per la capacità di anticipare le tendenze mantenendo lo stretto legame con la cultura del territorio natio, che ancora oggi la contraddistingue nel mondo delle bollicine e ne fa sinonimo di Prosecco. Il lavoro degli enologi in Mionetto non è dedicato solo alla produzione di un vino di qualità elevata, ma anche a mantenere un’efficace collaborazione con i conferitori locali che storicamente forniscono l’uva da intere generazioni. E’ in queste storiche relazioni che Mionetto ha saputo garantire un eccellente livello qualitativo delle uve acquistate e dedicate al processo interno di vinificazione.

Nel 1982, Mionetto ha introdotto la fermentazione in autoclave con metodo Charmat, che consente una migliore conservazione dei sapori e profumi del Prosecco. Inoltre, è stata una delle prime cantine della denominazione ad esportare il Prosecco, dalla Germania agli Stati Uniti dove dal 1998 ha sede Mionetto USA Inc.

La totale acquisizione della cantina nel 2008 da parte del Gruppo tedesco Henkell & CO. Sektkellerei KG con sede a Wiesbaden, uno dei maggiori produttori europei di bollicine, ha portato grandi opportunità di crescita, sia in termini di mercato, sia da un punto di vista interno, organizzativo e gestionale. Un cambiamento, ma nel segno della continuità, come dimostra la decisione di delegare ad un top management italiano la gestione dell’azienda. Alla guida di Mionetto S.p.A. un Management Board composto da Alessio Del Savio (Consigliere Delegato, Direttore Tecnico ed Enologo), Paolo Bogoni (Chief Marketing Officer), Robert Ebner (Chief Sales Officer) e Marco Tomasin (Chief Financial Officer).

 

 

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com