Istat, dati economici territoriali

Factory

Quasi la metà del valore aggiunto nazionale è realizzato nei sistemi locali del lavoro urbani (49,8%), in cui risiede il 45,9% delle unità locali attive

Complessivamente la produttività arriva a livelli medio-alti nei sistemi del Made in Italy,  la produttività apparente del lavoro nell’industria e nei servizi (esclusi i servizi finanziari) è massima nei cinque sistemi urbani ad alta specializzazione segnando 59.400 euro per addetto, elevata nei sistemi della fabbricazione di macchinari con 47.400 euro per addetto; elevata anche nella petrolchimica e nella farmaceutica (47.300 euro).
Il valore più basso si registra nei sistemi agricoli con 28.800 euro.

A livello comunale, Milano è al primo posto come contributo al valore aggiunto nazionale dell’industria e dei servizi non finanziari, con oltre 52 miliardi di euro (7,3% del totale), segue Roma con 51,8 miliardi (7,2%).

Staccate Torino, Genova e Napoli, rispettivamente 2,1%, 1,5% e 1,3% del valore aggiunto italiano.

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com