Investimento e impegno per guidare l’impresa verso la diversificazione

Mariella Bianchi - Molitoria Umbra

Molitoria Umbra SpA – Bastia Umbra

Se sai che hai le potenzialità e la richiesta per poter aumentare la tua produzione, ma scegli di dedicare il nuovo mulino specializzato nella produzione di farine “alternative”, grani antichi, frumenti da riscoprire, legumi e quanto di nuovo il mercato richiede o potrebbe richiedere in futuro, significa che hai la capacità di guardare avanti.

Sempre avanti, perché quello che è fatto è già passato e non c’è il tempo di adagiarsi sugli allori, soprattutto in un mercato come quello della produzione di semola dove la marginalità è minima e la concorrenza sempre più aggressiva.

Molitoria Umbra di Ospedalicchio, in provincia di Perugia, ha una storia di più di mezzo secolo alle spalle e l’esperienza di una famiglia che ha saputo accompagnare l’evoluzione dell’azienda alla crescita che oggi la porta a macinare 140mila tonnellate di grano duro all’anno, destinate prevalentemente a pastifici del centro e nord Italia.

Siamo prossimi ad entrare anche nella grande distribuzione con prodotti destinati ai consumatori, perché essere dinamici è la prima regola per stare in piedi e per resistere alle problematiche di un mercato che non può essere controllato perché dipende dalla volatilità dei prezzi e dalla speculazione.

Se sul prezzo non è possibile concorrere, è sulla qualità che si vede la differenza e che permette all’azienda di stare sul mercato a fianco dei competitors leader.

L’affidabilità è uno dei requisiti fondamentali, sottolinea Mariella Bianchi, A.D. di Molitoria Umbra, il tratto distintivo che ti lega a un cliente.

E poi la flessibilità, la capacità di adattamento alle richieste di una clientela sempre più esigente affrontate da tutta la famiglia nei vari ruoli decisionali. Abbiamo contatti diretti con l’acquirente e sappiamo dare risposte in tempo reale.  Situata nel cuore dell’Italia, da sempre, Molitoria Umbra attua una politica volta alla valorizzazione del territorio e alla promozione di filiere locali arrivando ad approvvigionarsi per la totalità del fabbisogno esclusivamente in centro Italia.

E l’occhio attento alle nuove tendenze, dopo il completo rinnovamento delle tecnologie e dei macchinari, ha indirizzato la produzione verso mercati per ora marginali, ma in espansione, come il biologico e appunto le farine speciali, semole da grani antichi, orzo e avena.

Una diversificazione che richiede investimento e impegno, ma alla Molitoria Umbra lo sanno: chi si ferma è perduto!

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com