ESG89 Group con la prima tappa del Tour #Protagonisti esplora la dimensione economica della Valtiberina

Parte, mettendo al microscopio un territorio peculiare come la Valtiberina, il primo appuntamento del Tour 2017 #Protagonisti di ESG89. Un incontro quello di giovedì 16 febbraio 2017 tenutosi nella splendida Abbazia di Montecorona di Umbertide, con la volontà esplicita di interpretare questo territorio a partire dalle sue dinamiche economiche. Ad affiancare Giovanni Giorgetti, Ceo di ESG89; Marco Rocchi, il Sindaco di Umbertide;  Marco Vinicio Guasticchi, Vicepresidente del Consiglio Regionale ed  Enzo Lepri, Patron di M.C. System Srl.

Il Sindaco ha introdotto la Valtiberina descrivendola come una punta avanzata del sistema economico umbro con peculiarità forti e consolidate in settori come l’automotive, il metalmeccanico, la produzione macchine per agricoltura (con sorprendenti espansioni anche all’estero), motori elettrici e batterie.  In riferimento al tema chiave dell’incontro Rocchi ha affermato “Il 4.0 rappresenta, in tale contesto, la nuova scommessa a cui puntare soprattutto per le imprese del territorio, che sono già fortemente automatizzate e quindi in parte, preparate ad accogliere tale mutamento. Ritengo che per facilitare tale processo occorra recuperare meccanismi e supporti per la formazione utili ad inserire nelle aziende soggetti con profili già qualificati. Dobbiamo lavorare accorciando la filiera tra scuola e lavoro, garantendo una continuità sensata grazie ala preparazione adeguata”.

Guasticchi ha ribadito il valore di questo territorio che muove il 25% del Pil dell’Umbria e si connota per la presenza di tre poli industriali importanti. “Per dare sviluppo a questo territorio promettente, ha aggiunto Guasticchi, occorre un supporto strutturato da parte delle istituzioni, serve la capacità di canalizzare le economie su settori che mettano insieme occupazione e innovazione. Due elementi in un rapporto di proporzionalità diretta”. Replica in chiave pragmatica LepriL’imprenditore dalla politica si aspetta cose semplici, come creare sinergie all’interno del proprio territorio, far incontrare le aziende, incamerare esperienze su progettualità condivise. E in particolare amministrare la comunità in modalità inclusiva.”

A ribadire l’importanza della sinergia anche Onofri, Patron Stile pavimento legno che sottolinea “Non serve solo l’iniezione di fiducia da parte delle istituzioni ma anche e soprattutto la volontà delle imprese di cimentarsi in un dialogo impegnativo”. Altro nodo cruciale della serata è stato il rapporto fra imprese e gli istituti di credito, Luciano Bacoccoli, Regional Manager dell’Area Commerciale Umbria Unicredit ha individuato nella Valtiberina una zona in evoluzione, con un fermento di idee e iniziative che è positiva. Un invito a guardare dalla parte delle imprese sopraggiunge da Angelo Mierla, A.D RAM7 S.r.l che afferma “L’abbrivio nella vita di impresa è la parte più ostica, nel fornire credito è fondamentale valutare il parametro del progetto e non esclusivamente quello della garanzia”.

Sulla risorsa offerta dalla frontiera 4.0 è intervenuto anche Domenico Pausini, professore del Tucep che vede nella stampante 3d una macchina operatrice che condensa tutte le funzioni un tempo sviluppate da più macchine, implicando un ripensamento dei processi produttivi e di ingegnerizzazione. E soprattutto aprendo nuovi mercati finora sommersi come: la metallurgia delle polveri, le applicazioni nel biomedicale e il perfezionamento della diagnostica per il potenziamento del settore chirurgico. Sul tema dell’innovazione sono intervenuti anche Fabio Viventi della Viventi Srl attualmente anche alla guida di una startup operante nell’I.T.; Emanuele Barbacci HDS srl e Michele Leonori, Sidernestor Srl tutti convinti che la Valtiberina rappresenti una piazza importante e fertile di prospettive su cui è importante investire.

Come emerge da questo incontro – ha chiosato Giovanni Giorgetti la Valtiberina è certamente un territorio economico da valorizzare, con molte opportunità sommerse da far emergere e da vivacizzare attraverso l’economia 4.0 e le sue nuove sfide. Il modo migliore per dare valore a questo territorio resta quello di sempre, che ESG89 assume come chiave di volta della sua filosofia operativa, fare rete, creare una piattaforma condivisa di obiettivi e strategie tra attori del sistema economico”.

 

 

Per inviare comunicati stampa alla Redazione di CUOREECONOMICO: cuoreeconomico@esg89.com